giovedì 4 agosto 2011

SICILIA ANTICA - MARCELLA BELLA

 
TESTO ORIGINALE
 
Fra mare e ciuri nascisti tu,
terra d'amuri nun mori cchiù.
Campi di granu bruciati do suli,
unni lassai 'u primo amuri.

Sicilia antica dellu mi cori
quanti ricchezzi ch 'a'tteni tu!

Facci'nduriti, occhi'mpietusi,
ma nillu cori c'è tantu caluri
E' la mia genti ch'a canta 'ppè nienti
e la fatica li fa cuntenti.

Sicilia antica dellu mi cori
quanti ricchezzi ch'a 'tteni tu!

Fra mari e suli nascigghi iu,
figghiu di terra che nun ci sei chiù...
milli sciadutti mi turnano in menti
unni lassai i ricordi cchiù belli.

Sicilia antica dellu mi cori
quanti ricchezzi ch'a 'tteni tu!

Na na na na na na na na
na na na na na na na na.

Sicilia antica, terra di sale
como l'amuri nun torni 'cchiù

La la la la la la la la la la,
la la la la la la la la la la.
 
 
TESTO TRADOTTO IN ITALIANO
Tra mare e fiori
Sei nata tu
Terra d'amore
Non morirai mai
Campi di grano
Bruciati dal sole
Dove lasciai il primo amore
Sicilia antica
Del mio cuore
Quante ricchezze
Qua tieni tu

Facce indurite (dal sole)
Occhi impietosi
Ma nel cuore
C'e' tanto calore
E' la mia gente
Che canta per niente
E la fatica
Li felici

Sicilia antica
Del mio cuore
Quante ricchezze
Qua tieni tu

Tra mare e sole
Nacqui io
Figlia di terra
Non (ci) sei piu'
Mille vicoli
Mi tornano in mente
Dovo ho lasciato
I ricordi piu' belli

Sicilia antica
Del mio cuore
Quante ricchezze
Qua tieni tu

Sicilia antica
Terra di sale ("di difficoltà per l'epoca)
Come l'amore
Non torni piu'
 

         TESTO CON ACCORDI

                            (Tradizionale)

La la la la la la la la la la,   la la la la la la la la la la, 
Sol                            Do    Re-                            La-
                   la la la la la la la la la la,   la la la la.
Sol                             Do    Mi7      La-
                 Tra mari e suli nascisti tu,    terra d’amuri nun mori cchiù,
                 La-            Re-     Sol   Do    Re-         La-  Fa             Mi7
                 campi di granu bruciati da ‘u suli,   unni lassai lu primu amuri.
                 La-            Re-       Sol            Do     Re-     La-   Mi7       La-
                 Sicilia antica di lu mè cori,  quanti ricchizzi ca teni tu.
                 Fa          Do     Re-      La-    Fa            Do     Mi7     La-
La la la la la…..ecc………………………..

                 Facci ‘nduriti, occhi ‘mpietusi, ma ‘nni lu cori c’è tantu caluri;
                 La-         Re-   Sol             Do    Re-           La-      Fa        Mi7
                 è la me genti chi canta pi nenti,  e la fatica li fa cuntenti.
                 La-        Re-        Sol          Do     Re-   La-  Mi7     La-
                 Sicilia antica di lu me cori,  quanti ricchizzi ca teni tu.
                 Fa         Do    Re-       La-      Fa           Do     Mi7     La-
                 La la la la la…ecc……………………………

                 Tra mari e suli nasciu l’amuri,  figlia di terra nun ci sì cchiù,
                 La-            Re-  Sol         Do      Re-       La-    Fa          Mi7
              milli stratuzzi mi tornanu a menti, unni lassai i ricordi cchiù belli.
              La-         Re-        Sol           Do      Re-     La-      Mi7            La-
                 Sicilia antica di lu me cori,  quanti ricchizzi ca teni tu.
                 Fa          Do     Re-       La-    Fa          Do       Mi7    La-
    (Musica)……………………………………   

                 Sicilia antica  terra di suli,  comu l’amuri…. nun torni cchiù.
                 Fa          Do    Re-      La-   Fa          Do         Mi7          La-
La la la la la….ecc…………………………….. 




martedì 2 agosto 2011

Carmen Consoli - L'Eccezione (2002) - Masino






MASINO (ORIGINALE)



Masinu cugghieva a cirasa,
“teni a cura ca sciddichi”,
vanniava a soggira.
Iddu pinsava megghiu ca mi
spicciu picchì m’a ittau.

“Si misu jautu e a scala non teni,
scinni Masinu di l’avvuru, alleggiu”
“Si misu jautu e a scala non teni,
scinni Masinu di l’avvuru, alleggiu”

A soggira, vistuta di nivuru,
sutta ‘o picu d’o suli schigghiava:
“Masinu a cura si caschi
t’acciunchi”. Iddu pinsava:
“‘cch’è beddu stu trivulu”.

“Si misu jautu e a scala non teni,
scinni Masinu di l’avvuru, alleggiu”
“Si misu jautu e a scala non teni,
scinni Masinu di l’avvuru, alleggiu”

“Si misu jautu e a scala non teni,
scinni Masinu di l’avvuru, alleggiu”
“Si misu jautu e a scala non teni,
scinni Masinu di l’avvuru, alleggiu”

Tra u picciu da soggira
e ‘ntra ca era misu mali,
a scala si ruppi, …(si rumpiu a scala)
ma iddu arristau appinnutu
‘nda l’avvuru e a bedda
cirasa arrivau n’terra.

…a bedda cirasa russa e duci.

…a bedda cirasa russa e duci 
MASINO  (Accordi)
Do Re#

Masinu cugghieva a cirasa,

La

teni a cura ca sciddichi,

Fa

vanniava a soggira.

Do Re#

Iddu pinsava megghiu ca mi

La Fa

spicciu picchì m'a Ittau.



Do Re#

"Si misu jautu e a scala non teni,

La Fa

scinni Masinu di l'avvuru, alleggiu"

Do Re#

"Si misu jautu e a scala non teni,

La Fa

scinni Masinu di l'avvuru, alleggiu"



Do Re#

A soggira, vistuta di nivuru,

La Fa

sulla 'o picu d'o suli schigghiava:

Do Re#

"Masinu a cura si caschi

La

t'acciunchi. lddu pinsava:

Fa

"'cch'è beddu stu trivulu".



Do Re#

"Si misu jautu e a scala non teni,

La Fa

scinni Masinu di l'avvuru, alleggiu"

Do Re#

"Si misu jautu e a scala non teni,

La Fa

scinni Masinu di l'avvuru, alleggiu"

Do Re#

"Si misu jautu e a scala non teni,

La Fa

scinni Masinu di l'avvuru, alleggiu"

Do Re#

"Si misu jautu e a scala non teni,

La Fa

scinni Masinu di l'avvuru, alleggiu"



Do Re#

Tra u picciu da soggira

La

e 'ntra ca era misu mali,

Fa

a scala si ruppi, ...(si rumpiu a scala)

Do Re#

ma iddu arristau appinnutu

La

'nda l'avvuru e a bedda

Fa

cirasa arrivau n'terra.

Do# Fa

...a bedda cirasa russa e duci.

Do# Fa

...a bedda cirasa russa e duci.



sabato 30 luglio 2011

CARIZZI R'AMMURI - AGRICANTUS


TESTO ORIGINALE
Ri notti cavaleri spuntanu ri vausi
firrianu ntunnu ntunnu ballanu
si priparanu i viu paittiri spiriscinu nto sonnu
accussì abbannunata cunta – ntunnu terra abbruciata sutta nfunnu scavannu acqua jlata
nzemmula beni e mali.

Es-souk si inchi
u cori si inchi
ri occhi nivuri
Es-souk si inchi
mi runi carezzi r'amuri.

Ntunnu ntunnu o focu fannu u me nomi
ballannu mi chiamanu sugnu ammira
tant'anni passati menzu a ventu e suli
si senti l'amuri comu scuma ri mari.

Ti nsunnava vulannu supra na naca r'acqua
occhi chini ri siti ballanu
si priparanu i viu paittiri spiriscinu nto sonnu
accussì addumata cunta – vampi i focu nni runa sutta nfunnu scavannu signali r'amuri
nzemmula beni e mali.
TRADUZIONE
Carezze d'amore

Di notte cavalieri spuntano dai massi
girano in tondo, ballano
si preparano, li vedo partire, spariscono nel sonno, così abbandonata, racconta – attorno terra bruciata, sotto, in fondo,
scavando acqua gelata,
insieme nel bene e nel male.

Es-souk si riempie
il cuore si riempie
di occhi neri
Es-Souk si riempie
mi dai carezze d'amore.

Attorno al fuoco fanno il mio nome
ballando mi chiamano sono ombra
tanti anni passati in mezzo al vento ed al sole
si sente l'amore come la schiuma del mare.

Ti sognavo volando sopra una pozza d'acqua
occhi pieni di sete ballano
si preparano li vedo partire, spariscono nel sonno. Così accesa racconta – vampe di fuoco ci dà, sotto, in fondo
scavando segnali d'amore,
insieme nel bene e nel male.


U CUNTU - FRANCO BATTIATO







Testo originale della canzone 'u cuntu di Franco Battiato dall'album Inneres auge (il tutto è più della somma delle sue parti)




’u sennu

stamu piddennu ’u sennu

ti ni stai accuggennu

unni stamu jennu a finiri

’ccu stu munnu ca sta ’mpazzennu

luceunu ’i stiddi dda

la’ luntanu supra ’u mari

li cosi cari parunu cchiù beddi

nan sacciu cchi fu a ieri visti ’a motti

addummisciuta ’nda ’na gnuni

nan si uosi arrusbigghiari

hic et nunc non habeo dispositionem mentis latus mundi insanus est malus imbutus malis libidinibus


Traduzione:

il senno

stiamo perdendo il senno

te ne stai accorgendo

dove stiamo andando a finire

con questo mondo che sta impazzendo

lucevano le stelle

lontano sopra il mare

le cose care sembrano più belle

non so che fu ieri ieri ho visto la morte

addormentata in un angolonon si volle svegliare
HIC ET NUNC NON HABEO DISPOSITIONEM MENTIS
Adesso non ragiono

LATUS MUNDI INSANUS EST
Il mondo (il lato mondano, ciò che è terreno) è impazzito

MALUS IMBUTUS MALIS LIBIDINIBUS
Negativamente ispirato (educato) a causa di cattive passioni.  


   

giovedì 28 luglio 2011

FRANCO BATTIATO - STRANIZZA D'AMMURI

PER VOI HO SCELTO L'INTERPRETAZIONE DELLA CANZONE FATTA DA RITA BOTTO

 TESTO ORIGINALE

'Ndo vadduni da Scammacca
i carritteri ogni tantu
lassaunu i loru bisogni
e i muscuni ciabbulaunu supra
jeumu a caccia di lucettuli...
'a litturina da ciccum-etnea
i saggi ginnici 'u Nabuccu
'a scola sta finennu.
Man manu ca passunu i jonna
sta frevi mi trasi 'nda lI'ossa
'ccu tuttu ca fora c'è 'a guerra
mi sentu stranizza d'amuri... I'amuri
e quannu t'ancontru 'nda strata
mi veni 'na scossa 'ndo cori
'ccu tuttu ca fora si mori
na' mori stranizza d'amuri... I'amuri.

TRADUZIONE 
Nel vallone di Scammacca 
i carrettieri ogni tanto
lasciavano i loro bisogni
e i mosconi ci volavano sopra
andavamo a caccia di lucertole
il vagone della Circumetnea
i saggi ginnici, il Nabucco
la scuola sta finendo.


Man mano che passano i giorni
questa febbre mi entra nelle ossa
Anche se fuori c'è la guerra
mi sento una stranezza d'amore
l'amore

E quando ti incontro per strada
mi viene una scossa nel cuore
e anche se fuori si muore
non muore questa stranezza d'amore
d'amore






mercoledì 27 luglio 2011

MI VOTU E MA RIVOTU ( TESTO ANONIMO DEL 700)

 
IN QUESTA VERSIONE è CANTATA DA
ROSA BALISTRERI

Testo originale

















Traduzione Lettererale
Mi votu e mi rivotu suspirannu,
passu la notti 'nterra senza sonnu.

E li biddizzi toj jeu cuntimplannu,
mi passa di la notti sina a ghiornu.

Pri tia non pozzu un'ura ripusari,
paci nun havi cchiù st'afflittu cori.

Lu sai quannu jeu t'haju a lassari ?
quannu la vita mia finisci e mori.







































Mi giro e mi rigiro sospirando,
passo la notte a terra senza sonno.

E le bellezze tue vado contemplando,
mi passa tutta la notte sino al giorno.

Per te non posso un'ora riposare,
pace non ha più questo afflitto cuore

Lo sai quando io ti devo lasciare ?
quando la vita mia finisce e muore.







martedì 26 luglio 2011

Nicuzza




TESTO ORIGINALE

Sutta la to finestra ci siminasti i sciuri
e dopu cincu misi garofani sbucciaru
su tutti bianchi e russi
comu la to facciuzza,
bedda tu si nicuzza comu li sciuri to

nicuzza duci,nicuzza bedda
dunami dunami na vasatedda
amuri miu,gioia di l'arma
ni lu me cori lu focu carma
sugnu capaci pi ttia suffriri
siddu nu m'ami è megghiu muriri
siddu pi zitu tu scegli a mia
iu ti maritu quannu voi tu...

Fra tanti spasimanti sciglisti a mia pi zitu,
chi gioia ca mi dasti,
mi sentu to maritu
nicuzza 'nzuccarata, dammi na vasatedda
gioia, quantu si bedda, la vita mia si tu!

nicuzza duci,nicuzza bedda
dunami dunami na vasatedda
amuri miu,gioia di l'arma
ni lu me cori lu focu carma
sugnu capaci pi ttia suffriri
siddu nu m'ami è megghiu muriri
siddu pi zitu tu scegli a mia
iu ti maritu quannu vo tu.


TRADUZIONE

Sotto la tua finestra hai seminato i fiori
e dopo 5 mesi sono sbocciati i garofani
sono tutti bianchi e rossi
come il tuo visino

bella tu sei piccola come i tuoi fiori
piccola dolce, piccola bella
dammi dammi un bacio
amore mio , gioia dell'anima


nel mio cuore il fuoco non si calma
sono capace di soffrire per te
se non mi ami è meglio morire
se per fidanzato scegli me
io ti sposo quando vuoi tu

tra tanti spasimanti hai scelto me per fidanzato
che gioia che mi hai dato
mi sente tuo marito
piccola fatta di zucchero, dammi un bacio
gioia quanto sei bella, l'amore mio sei tu


piccola dolce, piccola bella
dammi dimmi un bacio
amore mio , gioia dell'anima
del mio cuore il fuoco calmi
sono capace di soffrire per te


se nn mi ami è meglio morire
se per fidanzato scegli me
io ti sposo quando vuoi tu